Mastopessi

La mastopessi o mastoplastica sospensiva é l’intervento che si propone di correggere il rilassamento del seno, che può essere dovuto a:

1) gravidanza ed allattamento, che hanno determinato uno svuotamento della ghiandola con residuo eccesso di pelle;
2) grossi sbalzi di peso corporeo con riduzione dell’elasticità della pelle;
3) scarsa elasticità, generalmente di origine ereditaria, della cute corporea, talora associata ad un volume ed un peso importanti delle mammelle, che, per effetto della gravità, tendono a cadere già in età giovanile;
4)  esito di precedenti interventi chirurgici di riduzione o di aumento delle mammelle.

E’ un intervento che, come nel caso della mastoplastica riduttiva, richiede una attenta pianificazione pre-operatoria.
Talora, nel caso di volumi molto piccoli delle mammelle, alla sospensione del seno si può associare l’inserimento di una protesi piccola, per migliorare il risultato estetico.
Nella mastopessi, a differenza della mastoplastica riduttiva, il tessuto ghiandolare non viene toccato, in quanto l’operazione consiste nel riposizionamento del complesso areola-capezzolo e nella riduzione dell'eccesso di pelle, al fine di ricreare un reggiseno cutaneo che deve sostenere il tessuto mammario adipo – ghiandolare. 

Dopo l'intervento la paziente dovrà indossare un reggiseno contenitivo di tipo sportivo. 
Per alcuni giorni dovrà limitare i movimenti delle braccia, soprattutto il sollevamento.
Dopo una decina di giorni potrà riprendere la guida dell'auto e dopo circa un mese l'attività fisica sportiva.


Se desiderate maggiori informazioni visitate il sito della S.I.C.P.R.E. (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica): www.sicpre.org

 

View the embedded image gallery online at:
http://albertopiovano.it/index.php/mastopessi#sigFreeIda3d694cb1f

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by Age Themes